Big Data2018-10-24T10:02:57+01:00

BIG DATA, BIG OPPORTUNITIES

Da anni si parla di Big Data. Dati dal grande volume, estremamente vari e che si producono – e si possono analizzare – con grande velocità.

Eppure i Big Data sono molto più del loro volume, della varietà o della velocità. Così definiti, infatti, rimangono materiale inerte, moli a volte mastodontiche che assomigliano ad avanzi di magazzino inutilizzati.
Non basta acquistare un parco tecnologico capace di riordinarli per trarne valore. E’ necessario che rispondano ad una strategia e a domande giuste che illuminino la ricerca di conoscenza.
E, soprattutto, servono algoritmi di machine learning che garantiscano la possibilità di fare previsioni accurate.

Il segreto dei Big Data non sta nel loro volume. Nemmeno nella loro varietà. E nemmeno nella velocità, anche se è sicuramente una caratteristica positiva in questo mondo che si muove rapido.

 

Il segreto dei Big Data sta negli algoritmi che li interrogano e che trasformano masse di dati in informazioni sintetiche, significative e rilevanti.

Dati provenienti da fonti diverse integrati di datawarehouse unici, strumenti tecnologici con grande potenza di calcolo, algoritmi open source che insegnano alle macchine come imparare dall’esperienza: questi gli ingredienti fondamentali della forza dei Big Data.

Mai come oggi possiamo avere accesso ad algoritmi di calcolo così potenti, precisi e, nella maggior parte dei casi, aperti.
I Big Data sono ancora un universo prevalentemente open: i professionisti che vi lavorano possono usare strumenti liberi e perfezionare i modelli interagendo con community di esperti da tutto il mondo.

RICHIEDI INFORMAZIONI